Margherita Hack, Federico Taddia – Nove vite come i gatti. I miei primi novant’anni laici e ribelli [Epub - Mobi]

CoverMargherita Hack, “un bestione tutto senso e stupore”, come l’ha scherzosamente definita un collega, ha attraversato il Novecento con lo sguardo rivolto verso un ignoto da indagare continuamente ma “con i piedi ben saldi per terra”, mettendo la propria intelligenza e sensibilità al servizio di tutti sin dai suoi primi passi da ricercatrice. La sua contagiosa sete di conoscenza non si è mai placata. Dall’adolescenza in tempo di guerra, alla scoperta casuale dell’astrofisica, e nonostante le difficoltà incontrate all’inizio nell’ambiente universitario fiorentino, si è conquistata il proprio successo passo dopo passo senza mai dimenticarsi dei maestri che hanno contribuito a renderla la persona straordinaria che è: i suoi genitori, raro esempio di libertà e coerenza durante il fascismo, Otto Struve che l’ha invitata ad Harvard e il marito Aldo, l’”enciclopedia vivente” di cui si è cibata per una vita intera. In occasione dei suoi novant’anni, Margherita Hack si confida con acume e impertinenza; a noi “fratelli di zuppa”, nati insieme a lei da quella primordiale esplosione di particelle, ricorda l’importanza dei principi che hanno guidato la sua vita: l’etica del lavoro, l’ostinazione, l’impegno civile e morale, la fiducia in se stessi e nelle proprie idee. Testimonia la sua partecipazione civile alle vicende della società italiana, ripercorre con la memoria la sua straordinaria avventura intellettuale contro corrente, e gli “scompigli” che non ha mai smesso di provocare.

Release a cura di Flextime

Margherita Hack – Libera scienza in libero stato [Epub - Mobi]

CoverNon solo siamo fra gli ultimi in Europa nelle materie scientifiche, ma quando riusciamo a formare un vero genio in genere gli mettiamo in mano una valigia e lo mandiamo a far del bene all’estero. Perché in Italia la ricerca proprio non vuole funzionare? Per due motivi, entrambi ben radicati nella storia e nel costume nazionali. Da un lato scontiamo una cronica quanto inspiegabile paura della scienza e delle sue potenzialità, e dal caso Galileo alla battaglia contro l’analisi preimpianto degli embrioni molta responsabilità spetta alla Chiesa e al suo vizio di dettare legge in un Paese che pure si professa laico. Dall’altro lato ci si mette lo Stato che da destra a sinistra taglia i fondi all’università, spreca le scarse risorse, ingarbuglia le carriere accademiche senza peraltro riuscire a sottrarle ai “baroni”. Così, mentre da ogni parte si decanta l’importanza dell’innovazione per la crescita del Paese, nei fatti chi dovrebbe produrla viene ostacolato con ogni mezzo: concorsi macchinosi, precariato a vita, stipendi da fame e, perché no, obiezione di coscienza. Storie di ordinaria contraddizione in un sistema che cola a picco. Margherita Hack dedica questo libro all’analisi delle condizioni di una ricerca che non ha più né Stato né Chiesa su cui contare. Passa al vaglio le riforme che si sono succedute sotto quattro governi, denuncia gli errori ricorrenti e le troppe incongruenze, mette in luce gli esempi positivi incontrati nel corso della sua carriera e infine propone qualche idea.

Release a cura di Flextime

Lucio Anneo Seneca – Lettere morali a Lucilio [Epub]

CoverScritte durante gli ultimi anni di vita, le Lettere morali a Lucilio costituiscono la più geniale opera di Seneca sotto il profilo del pensiero filosofico e la più significativa della sua personalità. Colloquiando con l’amico Lucilio, Seneca si rivela psicologo sensibile e raffinato, che conosce l’arte della persuasione e si rende conto di come il dialogo sia la forma più consona per raggiungere il perfezionamento morale. Seguace del pensiero stoico, senza però assumerne le posizioni estreme, il grande erudito latino raccomanda la supremazia della ragione e il sacrificio dell’individuo a vantaggio della collettività.

Marco Revelli – Finale di partito [Epub]

CoverFinale di partito è un saggio in cui Marco Ravelli riflette sulla crisi politica dei nostri giorni e sul fallimento dei partiti politici tradizionali. Secondo i sondaggi recenti, gli italiani non si fidano dei rappresentanti politici. Meno del cinque per cento della popolazione nazionale dichiara di avere fiducia nei confronti dei partiti politici e dei loro rispettivi leader. La percentuale sale al dieci per cento se viene preso in considerazione il Parlamento. Eppure, questa tendenza, pur essendo riscontrabile in modo evidente nel bel paese, è un fenomeno piuttosto generalizzato che riguarda numerosi altri paesi. Le persone non hanno più intenzione di dare il proprio consenso ai vecchi partiti, e, al contrario, comincia a percepire un senso di fastidio nei confronti di quella che ormai considerano forme di oligarchia i cui membri che godono di forme di privilegio economico e sociale, sono eccessivamente distanti dal popolo e dai suoi problemi. E’ quella che viene comunemente definita La casta, che è nel mirino della gente, stufa di privilegi ingiustificati, di sprechi e di forme di immunità. Ma al di là della denuncia è anche opportuno misurare la protata di questo fenomeno e analizzare le cause che hanno condotto al degenerare di questa situazione di crisi del partito politico tradizionale. Siamo di fronte ad un periodo di grandi cambiamenti, stiamo passando dalla società industriale a quella post-industriale. Pur in una congiuntura temporale sfasata, la crisi dei partiti si ricollega alla fine delle organizzazioni produttive massificate di stampo fordista in favore di nuove forme organizzative, più leggere e decentrate. Marco Ravelli, con Finale di partito, riflette sui cambiamenti epocali che riguardano lo scenario politico dei nostri giorni.

Release a cura di gioca66

Nota: Pubblico con colpevole ritardo queste belle opere inviatemi da Athanasius e Gioca66 un po’ di tempo fa.

Eduard Limonov – Il trionfo della metafisica [Epub]

CoverEduard Limonov non è mai stato un bravo ragazzo: scrittore di culto, guerrafondaio ribelle, dissidente sdegnato, fondatore del Partito nazionalbolscevico, più volte arrestato. Visceralmente avverso a ogni pregiudizio, radica le sue azioni e i suoi pensieri in una personalissima visione del mondo e del destino dell’umanità. In questo libro, l’autore racconta i mesi trascorsi all’interno della colonia penale n° 13 nelle steppe della regione di Saratov. Al lager Limonov era arrivato all’inizio del maggio 2003 dopo due anni di prigione. Il libro pullula dei personaggi più disparati: i duri passati per le carceri e i campi di rieducazione per giudizi spesso iniqui e affrettati, i criminali incalliti, ma anche gli innocenti ingiustamente condannati. Tutti riforgiati in qualche modo dall’esperienza dolorosa della prigionia, non necessariamente abbrutiti, ma quasi sempre colti dallo sguardo pungente e imperturbabile dello scrittore nella loro insopprimibile ma castrata umanità. Limonov si inserisce nella grande tradizione letteraria russa: quella che, scontrandosi tragicamente con la realtà del carcere e del gulag, ha trasformato la prigionia in una metafora della società e della condizione umana. Introduzione di Maria Candida Ghidini.

Release a cura di gioca66

Jakob Wassermann – Il caso Maurizius [Epub - Mobi]

coverDurante uno spettacolare processo indiziario, un uomo viene giudicato colpevole dell’omicidio della moglie e condannato all’ergastolo. L’imputato però non smetterà mai di proclamarsi innocente, affermando che è stato commesso un clamoroso errore giudiziario. Diciotto anni dopo, il figlio sedicenne del pubblico ministero che all’epoca aveva rappresentato l’accusa e che su quel caso aveva fondato la sua carriera – scopre gli atti del processo e comincia ad esaminarli, giungendo a conclusioni inquietanti. Introduzione di Giorgio Manacorda.

Release a cura di Athanasius

John Berger – G [Epub - Mobi]

coverFiglio di un ricco commerciante livornese e della sua giovane amante nordamericana, G. viene concepito nel 1886, quattro anni dopo la morte di Garibaldi, l’eroe che ha incitato la nazione a diventare se stessa, l’uomo che a ogni italiano sarebbe piaciuto essere. Il suo apprendistato alla vita si svolge nella campagna inglese, affidato alle cure dei cugini materni Beatrice e Jocelyn, superstiti di una famiglia aristocratica decaduta e di una classe sociale in estinzione. Allontanato dalla madre e dal padre, condannato fin dall’origine al destino di chi non ha patria né appartenenza, G. incarna fino in fondo l’individuo contemporaneo in bilico tra libertà e solitudine, invenzione di sé e autodistruzione. Lo troveremo, raffinato involontario europeo ante litteram, nelle principali città degli stati-nazione degli anni a cavallo tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento: Parigi, Milano, Londra, Trieste. Cosmopolita, poliglotta, innamorato di altrove, costeggerà con l’interesse freddo dell’osservatore distante i grandi rivolgimenti storici, politici, sociali, tecnologici della sua epoca, spingendo il suo sprezzo per la vita “come ci è data” fino a morirne.

Release a cura di Athanasius

Novalis – Enrico d’Ofterdingen [Epub - Mobi]

coverFilosofo della natura, rabdomante dei misteri della notte, Friedrich von Hardenberg, alias Novalis (1772-1801), apparve e scomparve come una folgore nel firmamento del romanticismo tedesco, lasciando dietro di sé un bagliore che seguitò a rischiarare l’immaginario poetico fino a oggi. Il fiore azzurro che per tutto l’Ottocento varrà come cifra della poesia sboccia nel suo romanzo Enrico di Ofterdingen (1802), storia di un’iniziazione alla parola poetica in cui il viaggio del protagonista attraverso una Germania dall’aura medioevale è allegoria di un cammino alla conquista della verità del sogno. La discesa fra i segreti del grembo della terra e del libro della natura, l’incontro con il bel volto di Mathilde e la sapienza di Klingsohr segnano le tappe di un progresso dell’anima, di un itinerario poetico dove soltanto la visione disserra gli arcani dell’essere. Alchimia di una prosa che fluisce liquida come le acque azzurre in cui sprofonda il sogno di Enrico e di uno stile perennemente in bilico fra l’incanto della fiaba e la lucidità della speculazione. Enrico di Ofterdingen rappresenta la suprema realizzazione di ciò che Novalis intendeva per poesia: «una follia secondo regola e con piena consapevolezza».

Release a cura di Athanasius

Wisława Szymborska – La gioia di scrivere. Tutte le poesie (1945-2009) [Pdf]

CoverNell’arco di poco più di un decennio – da quel non troppo lontano 1996 in cui fu insignita del Premio Nobel per la Letteratura – Wisława Szymborska è diventata un autore di culto anche in Italia. Né questo vasto successo deve meravigliare. Grazie a un’impavida sicurezza di tocco, la Szymborska sa infatti affrontare temi proibiti perché troppo battuti – l’amore, la morte e la vita in genere, anche e soprattutto nelle sue manifestazioni più irrilevanti – e trasformarli in versi di colloquiale naturalezza e ingannevole semplicità.Il volume include anche la recentissima raccolta Qui, apparsa in Polonia nel gennaio del 2009.

Release a cura di Flextime